Caipiroska: Proprietà Nutrizionali, Ruolo nella Dieta e Come si Prepara

Cos’è

Cos'è il Caipiroska?

La caipiroska - o il caipiroska - è una bevanda alcolica, più precisamente un cocktail, costituito da: una base alcolica (superalcolico), lime fresco, zucchero e ghiaccio; può anche essere aromatizzato con sciroppo di fragola – in tal caso prende il nome di caipiroska alla fragola.

https://nisin4.info/imgs/2018/10/12/caipiroska-orig.jpeg

Il metodo di preparazione non è dei più complessi ma, come spesso accade, per raggiungere un livello qualitativo elevato è indispensabile curare ogni dettaglio del procedimento.

Il caipiroska ha proprietà nutrizionali nulle o negative. Di conseguenza, l'impatto sulla dieta è a dir poco negativo.



Caipiroska alla fragola

X
  Problemi con la riproduzione del video? Ricarica da YouTube Vai alla Pagina del Video

Proprietà Nutrizionali

Proprietà nutrizionali del caipiroska

La caipiroska è una bevanda tendenzialmente "vuota", ovvero che non possiede nutrienti utili per la salute.

I glucidi solubili – circa 15 g a porzione, contenuti nello zucchero di canna – sono già sufficientemente abbondanti nella media delle diete occidentali, ragion per cui si possono considerare totalmente inutili.

La caipiroska è un cocktail a base di vodka, un superalcolico distillato con una gradazione alcolica minima del 35,0% e massima del 55,0% vol – una media 45,0% vol. Considerando che la quantità giusta di vodka per un caipiroska è di circa 45 ml (1,5 oz), a prescindere dal volume del cocktail – che come vedremo, è variabile in base alla quantità di ghiaccio o soda aggiunti – potremmo definire che una porzione di caipiroska apporta fino a 2,5-3,0 g di alcol.

Un caipiroska fornisce almeno 80 kcal per porzione.

Dieta

Caipiroska nella dieta

L'assunzione abbondante di caipiroska è perciò controindicata, non solo nella dieta degli obesi, di chi ha scompensi metabolici e dei cagionevoli di salute, ma anche per le persone sane, soprattutto in caso di accrescimento, gravidanza e allattamento. Inoltre, pur ipotizzandone un'assunzione infrequente, secondo le linee guida, una porzione media non dovrebbe superare i 40-80 ml giornalieri – quindi 1-2 caipiroska preparati con ricetta tradizionale.

Ovviamente, questa raccomandazione tiene conto esclusivamente alla quantità di alcol etilico di una porzione di cocktail; tuttavia, la caipiroska contiene anche zucchero a livelli importanti, il che ne dovrebbe limitare ulteriormente sia la porzione, sia la frequenza di consumo – soprattutto nel sovrappeso e nell'ipertrigliceridemia.

La caipiroska sarebbe "ragionevolmente" da eliminare anche in caso di diabete mellito tipo 2; bisogna tuttavia rammentare che, se da un lato lo zucchero ha un effetto iperglicemizzante, l'alcol etilico esercita un ruolo ipoglicemizzante – mantenendo tendenzialmente in equilibrio la glicemia. Ciò non toglie che sia l'alcol che lo zucchero determinano iper-insulinemia, sempre sconsigliabile in caso di patologie metaboliche e sovrappeso.

Le malattie che subiscono negativamente l'assunzione eccessiva di caipiroska sono molte e di vario genere; tra quelle metaboliche citiamo in particolar modo:

Nuoce gravemente anche ai tessuti di certi organi, in particolare:

Lo Sapevi che…

L'alcolismo, una vera e propria forma di tossicodipendenza, determina una condizione di malnutrizione generalizzata e soprattutto vitaminica. Pare coinvolta – sotto diversi punti di vista – prevalentemente la tiamina o vit B1; questa, oltre a subire negativamente l'eccesso di alcol etilico, non può nemmeno essere immagazzinata nel fegato. La sua carenza cronica determina Encefalopatia di Wernicke, un quadro clinico piuttosto severo.

IMPORTANTE! In caso d'abuso, l'alcol determina il malassorbimento nutrizionale, lo squilibrio idrosalino per eccesso di diuresi e l'ipovitaminosi, che possono sfociare in malnutrizione generalizzata, talvolta con insorgenza di marasma.

Nella dieta dello sportivo, la caipiroska dovrebbe essere totalmente evitata o consumata in quantità e con frequenza irrilevanti. L'alcol etilico in essa contenuto peggiora le performance sotto diversi punti di vista:

Lo Sapevi che…

Un sonno adeguato è la chiave di volta per ottimizzare la super-compensazione dello sportivo. Quasi tutti si concentrano sull'allenamento e sulla dieta, senza considerare che è durante il sonno che avviene la fase di massimo riposo e al tempo stesso il processo di riparazione dei tessuti, recupero-ricambio metabolico e adattamento allo stimolo allenante.

È da sottolineare inoltre che, tra i vari risvolti negativi, l'alcol della caipiroska interferisce nell'assorbimento e nel metabolismo dei farmaci.

Ricordiamo infine che si tratta anche di una molecola favorente la tossico-dipendenza.

Ricetta

Come si prepara il caipiroska?

Il caipiroska ha una gradazione alcolica piuttosto elevata, derivante al 100% dall'unico superalcolico contenuto, ovvero la vodka. Non bisogna tuttavia dimenticare che i distillati – soprattutto di qualità – non sono reperibili a buon mercato, ragion per cui nei locali di "bassa lega", oltre a preferire materie prime di pregio discutibile, è cattiva abitudine "allungare" le bevande con ghiaccio tritato finemente ed acqua di seltz.

In Italia, questo cocktail viene più spesso servito in bicchieri piuttosto grandi (granity alto), con un volume utile di circa 420 ml, anche se la scelta più corretta vorrebbe l'utilizzo di bicchieri più piccoli (granity e tumbler bassi, o ancora meglio un old fashioned). Non bisogna tuttavia dimenticare che, soprattutto nelle discoteche, nei pub e nei bar di tendenza, dove il livello qualitativo è spesso medio o basso – mentre il guadagno risulta sempre elevato – la maggior parte del volume del bicchiere viene occupato dal ghiaccio tritato e compattato. La ricetta originale del caipiroska invece, vorrebbe l'utilizzo di ghiaccio intero, magari a cubi piccoli, oppure pilè – più grosso e meno ingombrante, perché rotto con l'utilizzo del pestello.

Ingredienti del caipiroska

  • 1 oz e 1/2 di vodka liscia / bianca (45 ml circa)
  • ½ lime fresco
  • 10-20 g zucchero di canna (2 cucchiaini, rasi o colmi)
  • Ghiaccio a cubetti

Lo Sapevi che…

Se la bottiglia della vodka è munita dell'apposito versatore per cocktail non è necessario dosare il liquido. Aggiungendo il superalcolico, è sufficiente rispettare la "regola del 6", ovvero contare in maniera continuativa – in inglese – da 1 fino a 6 – è il tempo necessario per far scendere circa 45 ml di distillato.

Strumenti per il caipiroska

  • 1 bicchiere con capacità 6-10 oz (180-300 ml) – meglio un Old Fashioned, oppure un Tumbler basso, o un Granity basso
  • Pestello
  • Bar spoon (cucchiaio da cocktail)

Procedimento del caipiroska

  • Tagliare il lime a cubetti – in 4 pezzi
  • Metterli nel bicchiere assieme allo zucchero
  • Pestare il tutto con il pestello
  • Riempire con il ghiaccio a cubetti medio-piccoli; se si dispone solo di cubetti grandi, ridurli a pilè con l'utilizzo del pestello – tenendoli nel palmo della mano e "martellandoli" con l'altra
  • Versare la vodka
  • Mescolare per 10'
  • Guarnire con una fetta di lime.

Lo Sapevi che…

Per realizzare il caipiroska alla fragola, è sufficiente aggiungere 3 fragole fresche da tagliare e pestare a parte – o 10 g di sciroppo – che verranno addizionate solo dopo aver creato la base di lime e zucchero.

Vedi anche il video di Federico, il nostro personal barman, per la preparazione del 



Caipirinha

X
  Problemi con la riproduzione del video? Ricarica da YouTube Vai alla Pagina del Video

Ultima modifica dell'articolo: 21/10/2018

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ