Biopsia prostatica di R.MyPersonalTrainer

Biopsia transperineale

Durante la biopsia prostatica transperineale il paziente si trova in posizione supina, con le cosce flesse verso il petto e con una mano a sostegno dello scroto.

Dopo una preventiva esplorazione rettale, il sondino ecografico viene inserito per via anale, similmente a quanto descritto per l'approccio bioptico transrettale. Il perineo, cioè la zona compresa tra scroto ed ano viene adeguatamente depilato e disinfettato; in tale area viene quindi iniettata una doppia dose di anestetico, la prima negli strati superficiali e la seconda, dopo qualche minuto, in profondità nei tessuti che circondano la prostata. Biopsia della prostata

Dopo un ulteriore attesa, viene quindi inserito nel perineo un sottilissimo canale metallico cavo, all'interno del qualel'ago da biopsia scorre con facilità risparmiando al paziente i fastidi legati al passaggio ripetuto dello stesso.

I campioni tissutali prelevati durante biopsia prostatica, detti frustoli, vengono successivamente esaminati al microscopio ottico dallo specialista anatomo-patologico, che nel giro di qualche giorno redige il referto istologico dell'esame. L'analisi microscopica permette di distinguere le cellule sane da quelle cancerose e, nell'eventualità, di stabilire la localizzazione ed il grado di anormalità ed aggressività delle stesse. A tale scopo viene utilizzata una scala numerica (punteggio di Gleason) che va da uno+uno (lieve grado di anormalità) a cinque+cinque (massimo grado di anomalia con alta probabilità che il tumore si sviluppi e diffonda rapidamente). In caso di reperti cellulari anomali, ma non necessariamente cancerosi, viene in genere richiesta l'esecuzione di una seconda biopsia (dopo tre/sei mesi) in modo da accertare l'assenza di processi tumorali in corso.

Rischi

L'esame è doloroso?

Grazie all'impiego di anestetici, la biopsia prostatica è un esame generalmente ben tollerato e poco doloroso. Fitte molto brevi e di intensità limitata vengono tipicamente avvertite durante i prelievi bioptici.

Quali sono le possibili complicanze?

Sia come sia, la biopsia prostatica rimane una procedura diagnostica invasiva e come tale gravata da una serie di rischi legati al tipo di anestesia, all'età del paziente e alle sue condizioni generali.

Nello specifico, la biopsia prostatica può dare complicanze emorragiche, infiammatorie, infettive ed allergiche.

Complicanze emorragiche

Le complicanze emorragiche sono le più frequenti, tanto da manifestarsi fino al 20% dei casi; in genere si tratta di emorragie lievi e transitorie, rese evidenti da tracce di sangue più o meno vistose nelle urine, nelle feci e/o nell'eiaculato; in tal senso non è nemmeno corretto parlare di complicanze, dato che entro certi limiti sono da ritenersi fenomeni normali. Raramente l'emorragia urinaria diviene cospicua, sino al punto da formare grossi e consistenti coaguli che occludono l'uretra impedendo lo svuotamento della vescica, con conseguente incapacità di urinare. Questa eventualità, che richiede un intervento di cateterizzazione e svuotamento vescicale presso il più vicino pronto soccorso, può essere prevenuta bevendo molta acqua dopo l'intervento. Tracce di sangue possono rendersi evidenti anche nelle feci durante l'evacuazione, ma soltanto quando la biopsia della prostata viene eseguita per via transrettale; anche in questo caso, entro certi limiti, si tratta di un evento abbastanza comune e non preoccupante che può continuare per qualche giorno; solo quando il sanguinamento perdura nel tempo, o diviene particolarmente vistoso, si rende necessario un tempestivo intervento medico. Infine, cosa molto importante, dopo una biopsia prostatica il sanguinamento si rende spesso evidente in occasione delle prime eiaculazioni. Lo sperma, di conseguenza, abbandona i classici riflessi biancastri ed opalescenti per assumere tonalità scure, color "caffè latte"; anche in questo caso la situazione torna spontaneamente alla normalità nel giro di qualche settimana.

Negli individui sottoposti a biopsia della prostata per via transperineale, inoltre, è comune la formazione di un ematoma nella zona di accesso dell'ago bioptico, localizzata tra lo scroto e l'ano; ancora una volta, se l'ematoma ed il gonfiore dovessero divenire particolarmente consistenti è bene allertare al più presto il proprio medico curante.

Vediamo ora alcuni termini utilizzati dai medici in relazione alle possibili complicanze della biopsia prostatica:

« 1 2 3 »


ARTICOLI CORRELATI

Antigene prostatico specifico - PSA - Fosfatasi Acida Prostatica (PAP) Ecografia Sovrapubica della Prostata PSA Video - Valori PSA e PSA Alto - Cause Biopsia della prostata Ecografia della prostata Esami della prostata Esplorazione rettale digitale della prostata Preparazione alla biopsia prostatica Biopsia epatica Risultati Colposcopia: leggerli ed interpretarli Biopsia Biopsia al Seno Biopsia ossea Biopsia Polmonare Biopsia Renale Biopsia epatica: rischi, complicanze e preparazione all'intervento Prostata Prostatite Infezione alla prostata Tumore alla Prostata - Cause e Sintomi Farmaci per la cura dell'Ipertrofia Prostatica Benigna Iperplasia Prostatica Benigna Pigeo africano Adenoma Prostatico Dieta per la Ipertrofia Prostatica Benigna Farmaci per la cura del Cancro alla Prostata Prostatectomia Tumore alla Prostata - Diagnosi e Trattamento Tumore alla Prostata? Scopri se sei a rischio TURP - Resezione Transuretrale della Prostata Semi di zucca e salute della prostata 5-alfa reduttasi e diidrotestosterone Anatomia e funzioni della prostata - Video Infiammazione della prostata Ipertrofia prostatica Ipertrofia prostatica - Erboristeria Ipertrofia prostatica benigna Liquido seminale Malattie della prostata Ortica e salute della prostata Prostatite cronica, prostatite non batterica Serenoa repens, prostata e capelli Silodyx - Foglietto Illustrativo Sintomi Cancro alla prostata Sintomi Ipertrofia prostatica beningna Tisana antiprostatica Tisana antisettica e antiprostatica Tisana per ipertrofia prostatica benigna Tumore della prostata Video - Cause, Sintomi, Cure Urorec - Foglietto Illustrativo