Esercizio fisico e obesità di R.MyPersonalTrainer

A cura del Dott. Stefano Casali

 

Effetti positivi della pratica regolare di esercizio fisico
Miglioramento della flessibilità e della mobilità articolare
Miglioramento dell'efficienza contrattile del miocardio
Bradicardia a riposo
Diminuzione della pressione arteriosa sistolica e diastolica
Migliore tolleranza allo sforzo fisico
Miglioramento della funzionalità respiratoria
Aumento della massa muscolare e delle fibre muscolari di primo tipo (rosse,  aerobiche)
Riduzione della massa adiposa
Aumento del massimo consumo di ossigeno (VO2mac)
Aumento del metabolismo a riposo
Autocontrollo volontario dell'apporto energetico e maggior consumo di carboidrati complessi e di fibra alimentare
  Miglioramento dei parametri metabolici
  Riduzione della resistenza periferica all'insulina (aumento del numero e dell'attività dei recettori periferici all'insulina, minore iperinsulinemia)
Riduzione della tendenza all'iperglicemia
Aumento del metabolismo basale
Attivazione del tessuto adiposo bruno (aumento della termogenesi)
Perdita di peso corporeo (minore massa grassa, maggiore massa magra)
Riduzione dei livelli plasmatici dei lipidi (meno trigliceridi, meno colesterolo totale, meno colesterolo LDL)
Aumento del colesterolo HDL
Miglioramento della regolazione neuro endocrina (aumentano: adrenalina, noradrenalina, GH, glucagone, attività reninica, TSH, ACTH, beta-endorfine
Miglioramento della mineralizzazione ossea
Diminuito rischio di osteoporosi
Diminuzione del rischio trombotico
Miglioramento di ansia e depressione
Miglioramento della sensazione di benessere

 

Principali elementi da prendere in considerazione per valutare il livello di rischio associato alla pratica sportiva per un soggetto adulto (da Bellotti e Massacesi 1993)
  Fattori Aumento del rischio Diminuzione del rischio
-INTRINSECI    
Età + 35-40 anni < 35-40 anni
Caratteristiche antropometriche Sovrappeso Normopeso
Stati di salute e malattie pregresse Presenza di quadri patologici acuti/cronici Assenza di quadri patologici acuti/cronici
Esiti di traumi Presenti Assenti
Alcool Consumo di vino 1/2  l/die Consumo vino < ½ l/die
No superalcolci
Fumo No
Abitudini alimentari Non corrette (per quantità e qualità) Corrette
Abitudini motorie Sedentario Non sedentario
Abitudini motorie passate Mai praticato attività motoria/sportiva Pratica (anche discontinua) di uno o di diversi sport
Padronanza dei gesti tecnici Scarsa Buona
Livello di fitness Scarso Buono
-ESTRINSECI    
Sistematicità dell'allenamento No
Attrezzature ed abbigliamento Non idonei Idonei
Caratteristiche del luogo dove si svolge la pratica sportiva Terreni sconnessi, campi e pieste mal preparati, luoghi igienicamente non controllati, temperatura e umidità non adeguate Terreni, piste e campi adeguatamente predisposti, luoghi chiusi con microclima controllato ed idoneo

 

» Programma motorio

 

Ricondizionamento generale - (durata 4-6 settimane; frequenza: quotidiana)

Esercizi generali di riscaldamento ed esercizi di allungamento:

15-20 min.

 

Esercizi a corpo libero:

serie da 2-4 min., ripetute 3-5 volte, intervallate da 30''-1' di ristoro,impegno quotidiano per 2-4 settimane.

 

Esercizi con piccoli attrezzi:

clave, manubri, palla medica ecc.
serie da 2-4 min., ripetute 3-5 volte, con pesi da 1 kg. fino a 5 kg., intervallate da 1' di ristoro, impegno quotidiano per 2-4 settimane.

 

Esercizi di defaticamento:

10-15 min.

Attività fisica di tipo aerobico - (durata 6-12 mesi; frequenza: da tre a sei giorni alla settimana)

Esercizi generali di riscaldamento ed esercizi di allungamento e a corpo libero:

15-20 min.

 

Attività di tipo aerobico:

Da 15 a 60 minuti a seduta, con incrementi di 5 min. a settimana, ad un'intensità pari al 50-70% della massima frequenza cardiaca teorica.

 

Esercizi di defaticamento:

15-20 min.

Pratica sportiva - (durata illimitata; frequenza. Da 3 a 6 giorni alla settimana)

Esercizi di allungamento e a corpo libero:

15-20 min.

 

Attività fisica di resistenza (corsa, nuoto, bicicletta, ecc.):

20-30 min.

 

Attività sportiva specifica (giochi di squadra, tennis, golf,ecc.):

30-60 min.

« 1 2 3 4 5 6 »


ARTICOLI CORRELATI

Cellulite, rimedi e attività fisica Attività fisica e Diabete di tipo 2 Ormoni tiroidei T3 - T4 ed esercizio fisico Benefici dell'attività fisica in presenza di Diabete di tipo 2 Cellulite: qual è l'attività fisica più idonea? Linee guida per l'attività fisica nel Diabete di tipo 2 Osteoporosi, fratture ed attività fisica Acqua ed attività sportiva Adattamenti del cuore in risposta all'attivita' fisica Analisi della necessità di creare centri per attività motorie personalizzate Anziani ed attività fisica: screening cardiologico Apparato respiratorio e attività fisica negli anziani Attività agonistica e prevenzione delle infezioni Attività agonistica, infezioni e vaccinazioni Attività fisica e colesterolo Attività fisica e collasso cardiaco Attività fisica e funzionalità cardiorespiratoria Attività fisica e gravidanza Attività fisica e lombalgia Attività fisica e sport nell'età evolutiva Attività fisica e sport nella terza età Attività fisica ed invecchiamento Attività fisica in gravidanza Attività fisica per bambini Attività sportiva ed obesità Attività sportive e impegno cardiovascolare Attività fisica e corretta alimentazione: il giusto binomio per dimagrire Attività fisica e Ipertensione Attività fisica ed Ipertensione ATTIVITA' FISICA E OBESITA' ATTIVITA' FISICA FITNESS E WELLNESS Benessere e attività fisica Cellulite, dieta e attività fisica Curare la Cellulite - Alimentazione ed Attività Fisica DIABETE: Attività fisica e diabete mellito Dieta ed esercizio fisico Idratazione e attività fisica Il soggetto obeso e l'attività fisica Ipertensione ed attività fisica Ipertensione ed attività fisica: controindicazioni? Obesità, ormoni ed esercizio fisico Patologie cardiovascolari e attività sportiva Prevenzione, salute e attività fisica Quanto mangiare prima dell’attività fisica Sedentarietà e bambini, il ruolo dell'attività fisica Sforzo Cardiovascolare - Attività Sportive Sistema immunitario ed esercizio fisico Soffio al cuore: diagnosi, prevenzione e attività fisica Stress ed attività fisica